Il presidente 2015-2016 è MATTEO NOTARO
Il segretario per il triennio 2013-2016 è SAMUELE BAIO

Piano Strategico di Club – Anno rotariano 2015/2016


1. La nostra “Vision”.


La Vision del Rotary Club Merate Brianza è quella di essere
diffusamente riconosciuto come il club di servizio di riferimento nella
comunità locale in cui opera, da parte dei cittadini, delle istituzioni, delle
associazioni, perseguendo gli obiettivi del Rotary International.


2. La nostra “Mission”.


Per realizzare la “Vision” sopradescritta, il club deve rafforzare la
propria presenza sul territorio e la propria struttura, mirando a una
rinnovata percezione della propria immagine, pur mantenendo continuità
con l'attività svolte negli anni passati: a tal fine, si intende incrementare
l’effettivo, promuovere la diversità tra i soci, aiutare le nuove generazioni
perché si formino nuovi leader, insistere su progetti sostenibili locali e
internazionali, non deflettere nella raccolta fondi per combattere la Polio.


3. A che punto siamo oggi? – Analisi SWOT.


3.1 I punti i forza del Rotary Club Merate Brianza.
Tra i punti di forza del nostro Club occorre certamente citare quanto
segue:
- un buon livello di affiatamento fra i soci;
- l'essere riusciti a intessere, specie negli ultimi anni, ottime
relazioni con alcune istituzioni locali e, in particolare, con le
scuole superiori della zona;
- il successo di alcune attività di servizio ripetute oramai da molti
anni con crescente soddisfazione degli utenti unitamente alla
introduzioni di nuovi progetti legati al mondo del lavoro;
- la particolare efficacia delle azioni a favore delle nuove
generazioni (orientamento universitario e professionale, scambi
annuali ed estivi, camp estivi, club giovanili, premi e concorsi
per studenti, ecc.);
- la presenza di soci di diverse fasce d'età e numerose categorie
professionali;
- l’elevata percentuale di soci disponibili a partecipare
attivamente alle attività del Club ed ai progetti di servizio.
3.2 I punti deboli del Rotary Club Merate Brianza.
Le criticità rilevate specialmente negli ultimi anni riguardano in
particolare:
- qualche difficoltà nell'incrementare l'effettivo del Club (penalizzato anche di recente da
qualche defezione per cause naturali o professionali);
- la limitata capacità di organizzare attività di raccolta fondi veramente efficaci e con
numeri significativi;
- l'utilizzo non assente, ma in misura probabilmente inferiore a quanto sarebbe possibile,
delle sovvenzioni rotariane per i progetti di servizio (Rotary Foundation e Distretto);
- qualche difficoltà nel coinvolgere i soci in iniziative di dimensione superiore a quella di
Club.
3.3 Opportunità offerte dalla comunità.
Nonostante la generale situazione sfavorevole legata alla congiuntura economica negativa,
specialmente in Italia, il nostro territorio offre ancora alcuni vantaggi, fra i quali:
- per quanto in crisi, si tratta ancora di una delle aree più sviluppate del Paese;
- ciò comporta, da un lato, l'esistenza di risorse di vario genere da sfruttare e, dall'altro,
l'aprirsi di nuove aree di intervento per i club di servizio, poiché nella nostra comunità
sorgono oggi bisogni un tempo pressoché sconosciuti;
- una certa disponibilità delle istituzioni a collaborare con il Rotary Club in progetti di
servizio per la comunità.
3.4 Sfide della comunità.
In linea con quanto sopra descritto, e quale altra “faccia della medaglia”, il territorio di riferimento
del Rotary Club Merate Brianza presenta anche alcune criticità di non semplice risoluzione, fra le
quali:
- la forte crisi economica che ha colpito anche le imprese dell'area lecchese rende
particolarmente difficile ottenere sponsorizzazioni che, un tempo, costituivano una delle
principali fonti di finanziamento di progetti di servizio;
- al tempo stesso i bisogni della comunità e le richieste di intervento anche soprattutto di
natura economica si moltiplicano di anno in anno;
- sempre a causa della crisi e, comunque, di una situazione lavorativa particolarmente
difficile, risulta assai arduo ottenere l'adesione al Club di molti soggetti che sarebbero
candidati potenzialmente adatti a fare il loro ingresso.
4. Dove vogliamo arrivare?
Il perseguimento degli obiettivi indicati come “Mission” e la realizzazione dell'aspirazione indicata
come “Vision” richiedono necessariamente che il Club riesca a:
- aumentare il proprio effettivo, invertendo - già dal corrente anno rotariano - la tendenza
alla contrazione del numero dei soci, riscontrata negli anni più recenti, con l'obiettivo di
superare il numero di 50 soci effettivi nel triennio e di raggiungere almeno il numero di 55
soci effettivi nel quinquennio;
- consolidare progetti di servizio già in corso - in particolare quelle favore delle nuove
generazioni, che sono il motore del futuro - ed integrarli con altri che rispondano ai
bisogni più nuovi della comunità;
- non dimenticare la dimensione internazionale dell'attività del Rotary International, con
progetti di ampio respiro, preferibilmente portati a termine in collaborazione con altri club;
- rafforzare in modo serio e sistematico l'immagine del Rotary International e in particolare
del Rotary Club Merate Brianza, facendo in modo che essi siano maggiormente conosciuti
fra i non rotariani e, soprattutto, che siano conosciuti per i numerosi meriti e per il servizio
alla comunità e non invece, come purtroppo spesso accade, con una percezione negativa;
- rafforzare i rapporti con enti, istituzioni e imprese locali, al fine di creare sinergie che
permettano la più efficiente ed efficace realizzazione degli obiettivi di servizio; occorre in
particolare creare relazioni stabili e durature e non invece saltuarie e limitate a singoli
progetti;
- rendere più efficace il rapporto con la Rotary Foundation, continuando ed anzi
incrementando, da un lato, le contribuzioni del club e dei soci e, dall'altro, presentando più
domande (in relazione a progetti meritevoli) per sovvenzioni distrettuali semplificate e/o
grants della Rotary Foundation;
- infine, identificare nuove fonti di raccolta fondi per il finanziamento di progetti di servizio.
5. Come arrivarci?
Il Club ha definito alcune priorità nelle attività necessarie al perseguimento dei sopraccitati
obiettivi.
5.1 Priorità strategica 1: Effettivo e Diversità dei soci.
Il primo obbiettivo immediato è quello di invertire la tendenza dell’effettivo, passando dalla
contrazione dell'effettivo vissuto negli ultimi anni ad un suo aumento già nei prossimi mesi, per
chiudere al 30.06.2016 almeno con un saldo netto positivo di tre soci. A tal fine il club ha già
promosso numerose iniziative per l'affiatamento (allo scopo di conservare l'effettivo) e si insisterà
con i soci affinché vengano presentate valide candidature.
Obiettivo di più lungo periodo è quello di portare il club oltre 50 soci effettivi e possibilmente a 55,
cercando contestualmente di colmare le lacune nelle categorie professionali meno rappresentate
nonché di ammettere soci di giovane età e di sesso femminile al fine di riequilibrare il Club.
Si intende utilizzare il metodo di coinvolgere subito i nuovi soci in progetti e commissioni,
sfruttando le loro comprovate competenze professionali e relazionali.
5.2 Priorità strategica 2: Nuove generazioni.
Il Club continuerà nei numerosi progetti a favore delle nuove generazioni, meglio descritti
nell'allegato relativo al progetto di servizio.
Obiettivo che si intende concludere nell'anno rotariano è anche l'effettiva “rinascita” dell’Interact
Club patrocinato dal nostro Rotary Club, ciò grazie anche al supporto delle scuole superiori.
Sempre entro l'anno rotariano verrà confermata l’estensione ad un nuovo istituto scolastico
dell'attività di orientamento universitario professionale per le classi quinte, che ha già visto
quest'anno quasi raddoppiare il numero degli utenti.
C’è il desiderio di ricordare -con varie iniziative aperte soprattutto alle nuove generazioni e da
attuare di concerto con altre associazioni del territorio- il centenario dall’inizio della Grande Guerra,
quale momento di riflessione (historia magistra vitae!) sull’importanza della Pace e di tutte le
attività umane volte a favorire la civile convivenza tra i popoli e le nazioni.
5.3 Priorità strategica 3: Sostegno (informativo) all’occupazione.
La situazione di grave crisi economica che ha colpito anche il nostro territorio rende urgenti
interventi nel settore dell'occupazione. A tal fine verrà nuovamente organizzato un ciclo di
conferenze aventi ad oggetto (i) la riqualificazione professionale (ii) il collocamento o ricollocamento
sul mercato del lavoro (ricerca di un impiego e relativi strumenti); (iii) la nuova
imprenditoria e le forme di supposto/sostegno.
Il ns. Club parteciperà inoltre attivamente al programma Virgilio, sponsorizzando e offrendo tutors
in linea con le finalità meritevoli perseguite dal predetto programma.
C’è inoltre la volontà di sostenere un nuovo progetto per lo sviluppo di attività formative e di
inserimento lavorativo di ragazzi con disagio sociale e disturbo della personalità, in affiancamento
con una cooperativa sociale che già opera sul territorio.
5.4 Priorità strategica 4: Immagine del Club.
Si intende proseguire nella forte campagna di sensibilizzazione dei media locali rispetto alle attività
del ns. Rotary Club e del Rotary International, con l’obbiettivo di avere copertura continuativa, in
particolare da parte delle testate giornalistiche del territorio e della provincia (tradizionali e online).
Si intende continuare nel rafforzamento della comunicazione anche verso l’interno, con il
mantenimento di una newsletter settimanale arricchita di contenuti sempre più interessanti (lettere
del Governatore e/o altre notizie distrettuali, comunicazioni del Presidente e/o del Direttivo,
aggiornamenti sulle attività, contributi dei di soci, ecc.).
5.5 Progetti di servizio.
Per una miglior descrizione e specificazione dei progetti sopra accennati e degli altri progetti di
servizio deliberati dal consiglio direttivo per l'anno rotariano in corso, si farà seguire un sintetico
elenco di tutti i progetti in corso o programmati.
6. Come stiamo andando?
Al fine di monitorare l'andamento dei progetti e misurarne i risultati, è stato creato un database dei
progetti di Club, che verrà mantenuto aggiornato dal presidente della relativa commissione, che
contiene oltre al nome del progetto, le milestones (misurabili) da raggiungere e il nominativo del
responsabile (o “owner”) del progetto all'interno del Club, al quale è richiesto di fornire
periodicamente aggiornamenti al Consiglio Direttivo.
Per i progetti più impegnativi verranno create sotto-commissioni apposite o gruppi di lavoro, che si
riuniranno anche indipendentemente dalle riunioni del Club o del Direttivo e che avranno il compito
di portare avanti le attività materiali di ciascun progetto, riferendone al responsabile e/o al Consiglio
Direttivo.
Il Consiglio si riunirà almeno una volta al mese, non solo per le deliberazioni necessarie ma per un
costante monitoraggio dell'andamento dell'attività programmate e per assumere ogni eventuale
azione correttiva.


R.C. Merate Brianza – D. 2042
Il Presidente Eletto 2015/2016

 

Avv. Matteo Notaro

  • LinkedIn Social Icon
  • issuu_logo_vertical
  • Twitter Social Icon
  • Facebook Social Icon
  • YouTube Social  Icon
  • Pinterest Social Icon
  • Instagram Social Icon

Servire al di  sopra di

ogni interesse  personale

Il Rotary Club Merate Brianza è stato fondato nel 1984 come filiazione del Rotary Club Lecco. Ne fanno parte imprenditori e professionisti della realtà locale.

Lo scopo fondamentale del club si sintetizza nel motto del Rotary International del “servire al disopra di ogni interesse personale” coi seguenti strumenti:

- sviluppare le relazioni amichevoli fra i soci per renderli più coesi nel servire l’interesse generale;

- informare ai principii della più alta rettitudine la pratica degli affari e delle professioni, riconoscere la dignità di ogni occupazione utile e far sí che essa venga esercitata nella maniera più degna quale mezzo per ‘servire’ la società;

- orientare l’attività privata, professionale e pubblica dei singoli al concetto del ‘servizio’;

- diffondere la comprensione e la pace fra le nazioni mediante la pratica di relazioni amichevoli fra gli esponenti delle varie attività economiche e professionali, uniti nel comune proposito e nella volontà del ‘servire’.

Il presidente 2019-2020 è

Giuseppe Martinelli

Il segretario per il triennio 2019-2022

è    Laura Pezzolla

 

© 2019 ROTARY CLUB MERATE BRIANZA - segreteria@rotarymeratebrianza.it Sede: Ristorante "Toscano al Lido", via Adda 33 - 23898 Imbersago Lc